Consigli pratici su come stirare

consigli-pratici-per-stirare

Alzi la mano chi adora stirare. Nessuno! Già perché spesso e volentieri è annoverata tra le faccende domestiche più noiose e monotone.

C’è chi sceglie di appoggiarsi a qualcuno che si appresti a stirare i propri capi settimanalmente, chi si rivolge direttamente alla pulitura-stireria di fiducia e poi c’è chi non può (o non vuole) che far da solo. Per tutte quelle donne, ma anche per gli uomini desiderosi faccendieri domestici, che scelgono di dedicarsi in prima persona alle attività di stiro proviamo a stilare qualche piccolo consiglio utile.

Alcuni suggerimenti generali

Il primo suggerimento è quello di leggere attentamente l’etichetta di ogni capo, così da evitare spiacevoli inconvenienti riconducibili non solo nella fase dello stiro, ma anche a quella del lavaggio.
Se si stira molto bucato in pochi giorni del mese, il consiglio è quello di privilegiare un ferro da stiro con caldaia che produce più vapore e consente di avere maggiore autonomia con il suo serbatoio da circa un litro di acqua.

Se invece si stira poca biancheria per volta allora si rivelerà sicuramente più utile un ferro da stiro classico che si scalda in minor tempo ed è sicuramente più maneggevole.
Quando ci si dedica al ferro da stiro bisogna fare estrema attenzione alla tipologia di tessuto che ci apprestiamo a stirare e considerare la temperatura del ferro più adatta ad ogni fibra. A tal proposito potrebbe rivelarsi utile suddividere i panni in base alla tipologia di tessuto avendo cura di verificare che il lavaggio sia andato a buon fine e che non siano rimaste macchie.

Infatti, in fase di stiratura le eventuali macchie rischiano di essere “fissate” e di diventare più difficili da eliminare con un secondo lavaggio.
Infine, per i capi difficili da stirare il suggerimento è quello di disporli, già in fase di asciugatura, appesi su delle grucce, così da evitare che vengano a formarsi delle pieghe difficili da rimuovere.

Come stirare la seta

La seta, ricavata dal filato dei bachi da seta, è un tessuto naturale, stupendo, di grande pregio, ma sicuramente delicato, per questo bisogna prestare moltissima attenzione già dal lavaggio e successivamente prestare grandi accortezze quando lo si sta stirando.

Ovviamente, prima di lavarlo in acqua, accertatevi sulla possibilità di lavare il capo a casa in base alle indicazioni riportate in etichetta. Successivamente, quando dovreste stirarlo dovrete prestare non pochi accorgimenti. Prima di tutto, va ricordato che la seta non deve essere stirata a più di 150 gradi, quindi è indispensabile azionare il ferro alla temperatura più bassa disponibile.

La piastra del ferro da stiro deve essere perfettamente pulita, in caso contrario prima di azionarlo pulitelo con una spugnetta inumidita di aceto e, successivamente, assicuratevi che sia perfettamente asciutta prima di procedere con la stiratura del vostro capo in seta. Per proteggere l’indumento, potrebbe rivelarsi utile un foglio di carta velina, da interporre tra il tessuto e il ferro da stiro, oppure, in alternativa, un panno di cotone.

Infine, la pressione con il ferro da stiro deve essere molto leggera, quasi impercettibile: il suggerimento è quello di dare vapore tenendo sollevato il ferro di appena un centimetro.
Se il capo risulta essere particolarmente delicato, e avete già escluso l’opzione di portarlo in un negozio specializzato, potrebbe essere un’ottima idea utilizzare una vaporiera che, grazie all’umidità del vapore e al suo calore riuscirà a distendere adeguatamente le fibre.

Come stirare il lino

Il lino è una delle stoffe più antiche in commercio e per le sue proprietà di leggerezza e freschezza è ideale per la realizzazione di vestiti estivi, tuttavia è largamente impiegato anche per tendaggi e, talvolta, anche per teli d’arredo. Se il lino non colorato sopporta bene i lavaggi ad alte temperature, per quello colorato è suggerito utilizzare delle temperature medie.

In fase di stiratura è necessario impostare il ferro da stiro alla temperatura più alta, circa duecentotrenta gradi e, nel caso di pieghe molto difficili da rimuovere è possibile inumidire leggermente il tessuto appena prima di passare il ferro da stiro.

Inoltre, trattandosi di un tessuto facilmente soggetto alle stropicciature, il suggerimento è quello di inamidare i capi in lino durante il lavaggio così da permettere una omogenea distribuzione di appretto che consente di ottenere risultati migliori, e più duraturi, di stiratura.
Infine, per prevenire macchie da ferro da stiro e rimuovere le pieghe più ostinate è bene stirare i capi al rovescio prevenendo così eventuali spiacevoli (irrimediabili) danni.

Come stirare la pelle

Anche per la stiratura di un capo in pelle è suggeribile utilizzare principalmente il vapore e un asciugamano o un panno in cotone che consenta di tenere a distanza il tessuto dalla piastra del ferro sa stiro.
Il ferro da stiro deve essere impostato sulla temperatura più bassa per evitare di causare danni irreparabili al capo ed è, anche in questo caso, necessario accertarsi che la piastra sia perfettamente pulita.

È molto utile stirare il capo al rovescio e quindi facendo sì che il ferro da stiro e la pelle non entrino mai in contatto.
Infine, il suggerimento di base è quello di procedere al lavaggio e di stenderlo appeso ad una gruccia, così da poter evitare la formazione di pieghe insidiose difficili (se non impossibili) da togliere.

Share: